A “4 Ristoranti” il Monferrato della distilleria Mazzetti d’Altavilla

A “4 Ristoranti” il Monferrato della distilleria Mazzetti d’Altavilla

Il Ristorante Materia Prima, ha partecipato alla famosa trasmissione di Sky “4 Ristoranti” condotta da Alessandro Borghese, per aggiudicarsi il titolo di “Miglior ristorante con menu degustazione del Monferrato”, territorio collinare piemontese noto per vini e buona cucina. Una sfida intensa ed appassionata che ha visto Materia Prima in sfida con  la Cascina Faletta 1881, GuBistrò di Casale e Il Ristoro di Lu. Materia Prima è il ristorante nato lo scorso anno nella restaurata area della sede di Mazzetti d’Altavilla, la più antica grapperia del Nord-Ovest, risalente al 1846.

Come di consueto i ristoratori in gara cenano nei ristoranti dei contendenti e valutano la location, il menu, il servizio e il conto. Anche Borghese esprime il suo giudizio e oltre alla valutazione generale assegna 5 punti per un ingrediente o alimento tipico della zona.

In palio per il vincitore di ciascuna puntata ci sono il titolo di miglior ristorante e un contributo economico da investire nella propria attività.

Il padrone di casa di Materia Prima è stato Sanzio Evangelisti, Mastro Distillatore e creatore degli abbinamenti culinari proposti, che si è trasferito in Piemonte per la passione che ha per vini e distillati. Quella di Materia Prima è una cucina che presenta “arditi abbinamenti” e che coniuga la tradizione dei prodotti locali alla modernità della realizzazione dei piatti, e nel suo menu è possibile trovare piatti della tradizione ed elaborazioni più originali. 

Da Materia Prima grappe, acquaviti e brandy sono di casa ed incontrano la cucina creando originali e piacevoli accostamenti sensoriali a disposizione
dei commensali che desiderano tentare il facoltativo percorso di degustazione.

Su richiesta è possibile degustare, a fine portata, poche gocce di un distillato 100% piemontese, selezionato in abbinamento con la specialità proposta”, spiega Sanzio Evangelisti, creatore degli abbinamenti  “L’obiettivo è fare cultura sull’uso consapevole del Distillato Italiano di bandiera valorizzandone le note aromatiche e promuovendo un utilizzo estremamente responsabile e attento nel limitare le quantità e nel massimizzare la qualità”.

Un percorso di degustazione, quello proposto da Materia prima, accompagnato dalla descrizione di profumi e aromi dei distillati, per meglio apprezzare i ricercati principi di esaltazione o di compensazione sensoriale che ispirano i vari connubi.

Nel corso di  “4 ristoranti” è stato proposto l’abbinamento fra il maialino cotto nelle profumate vinacce locali, specialità clou di Materia Prima, e la nobile Grappa di Barolo Invecchiata, capace di creare una raffinata pulizia del palato; oppure un rivisitato Bonet 7.0, con i profumi floreali della Grappa di Ruchè Invecchiata, che Alessandro Borghese ha assaporato anche sulla cima della storica Torre di avvistamento di Mazzetti d’Altavilla, godendo del suggestivo skyline monferrino fatto di vigneti e caratteristici borghi.