Sughera, il tappo innovativo di Labrenta

Sughera il tappo innovativo di Labrenta

Quante volte aprendo una buona bottiglia di vino si è rimasti delusi perché… sapeva di tappo? Di fatto questo fastidioso inconveniente, che si ritiene sia dovuto al contatto tra tappo e liquido, è legato alla presenza nel sughero utilizzato dell’infezione da tricloroanisolo (TCA).

Negli ultimi anni molti produttori hanno preferito sostituire il classico tappo di sughero con quelli in plastica. Ma la Labrenta, società fondata nel 1971 a Breganze (Vicenza) che produce chiusure per il settore alimentare, ha messo a punto un nuovo tappo di sughero che utilizza polimeri farmaceutici con un’azione legante naturale dei microgranuli del sughero.

In questo modo il tappo garantisce una chiusura perfetta, che non intacca i valori sensoriali e organolettici del vino, ma al tempo stesso la sua composizione lo protegge dal rischio di “sentore di tappo”.

Sughera, questo è il nome di questo prodotto innovativo brevettato, è il risultato di anni di ricerche che hanno portato a un tappo non solo sterilizzato ma legato senza uso di collanti.

Un tappo assolutamente nuovo che rispetta la naturalità della tipica chiusura di sughero esaltandone le prestazioni, realizzato attraveso l’inserimento sulla superficie, di speciali scanalature per riprodurre l’impatto visivo del sughero monopezzo e fornirne, al tatto, la stessa vellutata sensazione.