Bottega (Assindustria Veneto): “Distillazione abusiva, pericolo per la salute e per la vera grappa”

‘La distillazione abusiva è nociva per la salute e per la vera grappa’. Con queste parole, alle quali AssoDistil si associa, Stefano Bottega, vicepresidente del Gruppo Vinicolo e Distillati e Liquori di Assindustria Veneto centro Imprenditori Padova e Treviso è intervenuto nei giorni scorsi in relazione alla scoperta di una nuova distilleria abusiva.

“La distillazione abusiva – ha detto Bottega – è un reale pericolo per la salute pubblica. Operare al di fuori di ogni tipo di controllo da parte delle autorità doganali e sanitarie, espone al rischio concreto di pratiche volte non solo ad evadere il fisco, ma anche a massimizzare i profitti a scapito della salubrità del prodotto. La qualità della grappa è un patrimonio di conoscenza racchiuso in ogni distilleria, che non può essere improvvisato in uno scantinato. È un mix di cultura e di dedizione, per il quale si è parlato di arte della distillazione, che richiama le eccellenze artigianali del nostro paese che è tale in quanto sottoposto a ben precisi protocolli di controllo”.

“Il mondo della distillazione – ha spiegato Bottega – è ligio alle norme. La collaborazione con l’Agenzia delle Dogane è una prassi consolidata. Ogni abuso è quindi un reato da sanzionare, anche perché corre il rischio di ledere la reputazione di chi opera in queste settore che svolge una funzione importante anche dal punto di vista della sostenibilità”.

“La distillazione è infatti un esempio di economia circolare – ha concluso Bottega – che riutilizza i suoi componenti, riducendo gli scarti e l’inquinamento ambientale che produrrebbero se non venissero trasformati. Rimanendo in ambito grappa, si parte dall’uva da cui ha origine il vino. Le vinacce, ovvero la materia di risulta che ne deriva, vengono distillate e si trasformano in acquavite. Le stesse vinacce esauste opportunamente pressate e disidratate diventano combustibile, da utilizzare per alimentare gli stessi alambicchi della distilleria. Infine dai semi di vinaccioli contenuti negli acini dell’uva si produce un olio, l’olio di semi di vinaccioli, ricco di antiossidanti e di polifenoli, che viene impiegato sia in ambito culinario che cosmetico”.

 Negli anni per valorizzare la Grappa IG sono stati attuati progetti di tutela nei confronti dei prodotti distillati in modo da preservare la qualità del settore distillatorio. Soprattutto quando la maggior parte delle frodi alimentari avvengono nei confronti dei prodotti certificati, come la Grappa Ig. Tutto questo avviene non solo in Italia ma anche all’estero. Per questo uni dei tanti progetti che AssoDistil porta avanti da sempre è quello di proteggere la Grappa e preservare la sua integrità, sia in Italia che all’estero.