Grande soddisfazione per il workshop “Bioetanolo, la soluzione sostenibile”

Grande soddisfazione per il workshop “Bioetanolo, la soluzione sostenibile”

Nella giornata di martedì 12 novembre 2019, si è svolto il primo workshop nazionale dedicato al bioetanolo: “Bioetanolo, la soluzione sostenibile” un’occasione di confronto sulla tematica tra istituzioni e operatori. AssoDistil è profondamente soddisfatta della riuscita di questo importante appuntamento a sostegno del bioetanolo, biocarburante sostenibile e disponibile già oggi per la immediata decarbonizzazione dei trasporti.

Il workshop, organizzato da AssoDistil e promosso in collaborazione con gli operatori Eni Versalis, Clariant, Distillerie Mazzari, IMA Biofuels e Caviro Extra, è stato aperto dal Presidente di AssoDistil Antonio Emaldi e dell’On. Filippo Gallinella, Presidente della Commissione Agricoltura della Camera Deputati.

Prima della tavola rotonda, Federica Zolla, direttore degli Affari Governativi di ePURE, ha presentato il quadro generale del bioetanolo in Europa. A seguire il Direttore AssoDistil, Sandro Cobror, ha illustrato le prospettive del bioetanolo in Italia con un’analisi dello stato attuale e futuro nel contesto del quadro regolatorio.

Il bioetanolo è un biocarburante sostenibile che garantisce una riduzione media certificata di gas effetto-serra del -70% rispetto ai carburanti di origine fossile (come benzina e gasolio). È una risorsa disponibile già oggi con un’ampia capacità installata in Italia ed in Europa ed un enorme potenziale di sviluppo ed inoltre è utilizzabile subito: non necessita, infatti, di modifiche dei motori (fino al 10%), né di spesa per le nuove infrastrutture. Inoltre l’Italia è il primo Paese nella UE ad aver sviluppato la tecnologia per produrre bioetanolo avanzato da scarti agricoli, un ulteriore passo verso lo sviluppo di biocarburanti sempre più sostenibili e rispettosi dell’ambiente.

Le idee e prospettive illustrate sono state le fondamenta per un interessante tavolo di confronto tra le Istituzioni, gli operatori e gli stakeholders della filiera dei biocarburanti, moderato dal Prof. David Chiaramonti dell’Università di Firenze.

Ringraziamo tutti i partecipanti alla tavola rotonda: Alessandro Carettoni, Divisione III: Interventi Ambientali, efficienza energetica ed energie alternative – Direzione generale per il clima ed energia (CLE) del Ministero dell’Ambiente, Giovanni Perrella, Segreteria tecnica DGMEREEN del Ministero dello Sviluppo Economico, Franco del Manso, Rapporti Internazionali, ambientali e tecnici dell’Unione Petrolifera e Andrea Poggio, Responsabile mobilità e stili di vita di Legambiente. Nonchè gli operatori: Maria Giovanna Gulino di Industria Meridionale Alcolici, Paolo Corvo di Clariant, Sergio Lombardini di Eni Versalis.

Il workshop si chiude con un’importante promessa del Presidente AssoDistil Antonio Emaldi: “Ci impegniamo a ripetere il confronto a cadenza costante, affinchè tali eventi siano motore di un cambiamento necessario per il futuro del nostro Paese, per il bene dell’ambiente ma anche per favorire virtuose ricadute sul mercato nazionale del lavoro”.

Riferendosi alle ricerche e agli obbiettivi che la Comunità Europea ha posto sul prossimo futuro, il Direttore Sandro Cobror ha dichiarato: “Con questo evento abbiamo voluto aprire il dibattito sul futuro del bioetanolo nel nostro Paese: tutti gli outlook internazionali indicano come sia urgente intervenire per ridurre drasticamente le emissioni del parco autoveicoli per combattere i cambiamenti climatici in corso e raggiungere così gli obiettivi comunitari al 2030. Il bioetanolo, dati alla mano, costituisce certamente una delle soluzioni più sostenibili da implementare nei trasporti nel prossimo decennio”.

Ringraziamo gli speaker intervenuti e pubblichiamo le slide presentate nella giornata di lavori.

ASSODISTIL
E-PURE
IMA
CLARIANT
ENI VERSALIS