Monitor AssoDistil n. 14

Il bollettino di monitoraggio normativo-istituzionale AssoDistil. N.14 / 13-17 Luglio 2020

 

37° Concorso Alambicco D’Oro

Sono stati pubblicati sul sito istituzionale ANAG i risultati della 37a edizione del Concorso Alambicco d’oro. Il Premio Speciale previsto per la distilleria con il miglior punteggio complessivo sommando le medaglie ricevute da prodotti propri è andato a Roner Distillerie per le 5 medaglie vinte, di cui 2 Best Gold, 2 Gold e 1 Silver, come qui sotto dettagliato. Il Premio “Il Vestito della Grappa” anno 2020, riservato alla bottiglia giudicata più bella per etichetta e forma, è andato alla bottiglia della Grappa Invecchiata Rifò 1999 della Distilleria Beccaris.

Fonte:  ANAG 


Distillazione di Crisi in Piemonte

Il Piemonte investirà circa 4 milioni di euro per distillare 42 mila ettolitri di vini che, a causa della crisi per la pandemia di Coronavirus, hanno fatto crescere le giacenze oltre il livello fisiologico. L’intesa con la Regione – comunica Confagricoltura – è stata raggiunta oggi pomeriggio nell’incontro tra l’assessore Marco Protopapa e i rappresentanti della filiera vitivinicola. “E’ un intervento importante – commenta Enrico Allasia, presidente di Confagricoltura Piemonte – che riconosce la specificità del comparto nell’economia regionale, fondamentale anche per quanto riguarda l’attrazione turistica e la valorizzazione delle nostre produzioni”.

L’accordo prevede che vengano distillati 5000 ettolitri di Brachetto d’Acqui docg, 2000 di Piemonte Brachetto e 35mila ettolitri delle denominazioni Piemonte e Monferrato, nelle diverse tipologie. “La misura è stata sollecitata dal mondo vitivinicolo- spiega Ercole Zuccaro, direttore di Confagricoltura Piemonte – per contrastare i contraccolpi economici causati dalla pandemia. Le nostre imprese avevano iniziato il 2020 n grande entusiasmo e con dati confortanti di commercializzazione, soprattutto per quanto riguarda l’export, ma il prolungato lockdown ha messo in crisi il comparto. Grazie alla misura della distillazione volontaria di crisi i viticoltori potranno affrontare la vendemmia con maggiore serenità, evitando squilibri produttivi”.

Fonte: ANSA


 

Distillazione di Crisi Puglia

La Regione Puglia interviene per sostenere le imprese vitivinicole colpite in questi mesi dall’emergenza sanitaria da Covid-19 stanziando 2,8 milioni di euro a favore della distillazione di vini non a denominazione d’origine. Si tratta di un primo provvedimento, di prossima approvazione, cui farà seguito un ulteriore finanziamento diretto a sostenere le produzioni di qualità a denominazione di origine che rappresentano il principale veicolo dell’eccellenza pugliese in Italia e nel mondo.

“In questi mesi di emergenza sanitaria – fa sapere il direttore del Dipartimento regionale Agricoltura, Gianluca Nardone – il mondo del vino ha richiesto a viva voce interventi pubblici per sostenere uno dei settori più importanti della nostra regione. Le 623 cantine pugliesi hanno subìto un vero e proprio tracollo delle vendite determinato dal blocco del canale della ristorazione e delle esportazioni. Oltre alla drastica riduzione di liquidità nelle aziende, gli operatori pongono l’attenzione sulle giacenze di prodotto rimasto invenduto che potrebbero impedire di portare a termine in maniera corretta la prossima vendemmia.

Il Governo nazionale ha deciso di promuovere interventi differenziati per i vini di qualità e per quelli cosiddetti ‘da tavola’. Per i primi ha disposto contributi per intervenire sulla riduzione volontaria della produzione di uve per vini a denominazione di origine e a indicazione geografica. Per i vini da tavola, invece, è stata messa a punto una misura volta a smaltire le giacenze indirizzando i vini alla distillazione.

Per dare maggiore forza all’intervento nazionale, con questo primo provvedimento la Regione Puglia destina 2 milioni e 800 mila euro alle imprese che decidono di aderire alla distillazione di vini non a denominazione di origine. In questo modo, si ritiene di rendere più conveniente l’operazione aggiungendo ai 2,75 euro per % vol/hl alcole garantiti dal Governo un ulteriore contributo pari a 1,25 euro per % vol/hl alcole. Il contributo supplementare sarà versato direttamente alle cantine che stipuleranno un contratto di distillazione, per un quantitativo minimo di 50 ettolitri, con un distillatore riconosciuto operante sul territorio nazionale.

Per quanto riguarda il sostegno alle cantine che producono vini di qualità, vi è chiaramente l’esigenza di un intervento più corposo. Sono, difatti, allo studio – conclude Nardone – con la Commissione Europea e con il Governo nazionale due ipotesi che prevedono finanziamenti a fondo perduto per indennizzare le cantine che in questi mesi hanno subito danni dalle mancate vendite o, in alternativa, aiuti allo stoccaggio e imbottigliamento”.

Qui il link al comunicato: link.


 

Beccaris nuovo presidente del Consorzio Grappa Piemonte e Barolo

L’assemblea del Consorzio Grappa Piemonte e Barolo ha indicato in Carlo Beccaris, della distilleria Beccaris di Boglietto di Costigliole d’Asti, il nuovo presidente del Consorzio. Beccaris, rimarrà in carica per tre anni alla guida del Consorzio.

Il CDA ha eletto anche i due nuovi vicepresidenti: Alessandro Revel Chion e Paolo Marolo. Il Consorzio ha comunicato di star programmando la campagna promozionale prevista per l’autunno 2020, che prevede una partecipazione alla Douja astigiana, l’organizzazione dell’evento “Piemonte Grappa”, previsto per la prima domenica di ottobre, e la partecipazione alla Fiera Internazionale del Tartufo di Alba.

Fonte: Consorzio Grappa Piemonte e Barolo