Spirits Selection, tra grappe e distillati: aperte le iscrizioni per il concorso mondiale di Bruxelles

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si sono aperte il 15 febbraio le iscrizioni per il concorso “Spirits Selection”, l’evento mondiale di Bruxelles che ogni anno raduna al suo interno le eccellenze internazionali del mondo della grappa e dei distillati. Ci sarà tempo fino al 22 luglio 2021 per iscriversi e partecipare. le porte della capitale belga si apriranno a settembre lasciando spazio a una kermesse mondiale formata da produttori di distillati e conoscitori del mondo degli spiriti, enologi, giornalisti e advisor di ogni origine. Un’occasione per conoscere e far conoscere i prodotti di tutto il mondo, ma anche per uno scambio di idee, di consigli utili per portare avanti un lavoro secolare.

Anche le realtà di AssoDistil fra i ‘big’ del mondo

A partecipare saranno anche gli associati di AssoDistil, distillerie italiane che da anni producono eccellenze per il territorio e per tutto il mondo.  tra gli associati ad AssoDistil premiati ci sono le Distillerie Roner, Nannoni, Bottega, Sibona e Domenis. In ogni caso sarà un’opportunità per far conoscere la realtà delle distillerie italiane, il loro lavoro che, non solo mira a un’economia sostenibile, ma punta a una produzione di eccellenza e qualità. Il concorso “Spirits Selection” potrà ampliare il bacino di conoscenza, facendo conoscere una fetta del nostro Paese anche ai mostri sacri della distillazione.

 Dalle rivelazioni alla qualità: si apre lo “Spirits Selection”

Ci sarà tempo fino al 22 luglio per iscriversi, successivamente si dovrà aspettare settembre 2021 per entrare nel vivo della competizione. Saranno tre i livelli di premiazione: gran medaglia d’oro, la medaglia d’oro e la medaglia d’argento. Alla fine del concorso, i prodotti che si sono aggiudicati la gran medaglia d’oro, verranno riassaggiati dalla giuria per deliberare il premio “Rivelazione Sirits Selection”. Come ogni anno, la giuria presterà una particolare attenzione ai prodotti biologici, creando un trofeo a parte: il “trofeo rivelazione bio”. Coloro che riusciranno a portarsi a casa un trofeo otterranno anche un certificato di riconoscimento dove sarà riportata l’indicazione della natura della distinzione, l’identità esatta del prodotto che ha ottenuto la medaglia, il volume dichiarato e l’identità del produttore o del negoziante in questione, a seconda delle informazioni fornite sul modulo d’iscrizione. In ogni caso, sarà comunque una grande esperienza e un’occasione di confronto per tutti i produttori. Che vinca il migliore.